Nessun altro vi offre quello che vi offriamo noi...

spaccio pannolini verona - asciuttissimi

Perché da Noi?

 

I Pannolini poposti da Asciutti & Serenii sono prodotti che garantiscono sia l’asciutto che l’ideale traspirazione a chi lo indossa, oltre ad una perfetta vestibilità! Il tutto ad un prezzo contenuto.

 

Il nostro Spaccio di pannolini e pannoloni Asciutti & SERENI, Negozio a Verona, in via Mameli 134/D, di fronte all’ ospedale di Borgo Trento, è da oggi il nuovo punto di riferimento per trovare la soluzione a problemi di incontinenza dei bambini, di adulti e di malati. Inoltre da Noi trovate la giusta consulenza sui vari modelli di pannolini, per non sbagliare scelta.

 

Il nostro negozio si pone come punto specializzato nel settore, per assicurare a tutti un prodotto di qualità, rispettoso l’ambiente quanto più possibile, ad un prezzo contenuto. I pannolini di Asciutti e Sereni sono il risultato di molte sinergie che hanno sfruttato al meglio le esperienze pratiche di personale sanitario (pediatrico, nursery, dermatologico)

 

Le materie prime con cui vengono prodotti i pannolini, sono di elevata assorbenza e vantano anche un alto livello di fibre naturali, che garantiscono al prodotto sicurezza ed un elevato standard qualitativo.

Le sostanze assorbenti dei nostri pannolini, dette SAS (polimeri del sodio) sono senza petrolati (derivati dal petrolio) garantiscono anche una ottima traspirazione.

Questo è importante perché influisce sulla temperatura interna del pannolino, che resta piu’ bassa, dando meno luogo all’insorgere di manifestazioni cutanee o micosi.

 

I pannolini Asciutti & Sereni garantiscono: grande assorbenza, elevata morbidezza, grande vestibilità. Il tutto ad un giusto prezzo.

 

Nessun altro vi offre quello che vi offriamo noi!

 

LE FIBRE

FIBRE ASSORBENTI PER PANNOLINI

Esistono prodotti superassorbenti sotto forma di microgranuli in grado di assorbire e trattenere grandi quantità di liquido che possono essere ottenuti anche in forma di fibra tessile.

 

Questa forma è preferibile in quanto maggiormente sicura contro le perdite.


Le fibre sono relativamente difficili da lavorare, perché fragili, soprattutto per umidità relative basse; d'altra parte se l'umidità relativa supera il 50% si hanno fenomeni di appiccicamento.

 

Gli strati di prodotti superassorbenti sono di norma protetti, su entrambi i lati, da un sottile strato di tessuto non tessuto in polipropilene.


Si parla di prodotti SAP (Super-Absorbing Products) e quindi di fibre SAP.

 

Il più grande uso di SAP si trova nei prodotti per l'igiene personale disponibile, come pannolini per bambini, per adulti biancheria intima di protezione e assorbenti igienici.

 

Ci sono 14 produttori mondiali di polimeri superassorbenti (5 in USA e Giappone, 4 in Europa) e tutti sono potenzialmente fornitori di fibre superassorbenti: le fibre anzi costituiscono un possibile sbocco alla produzione dei polimeri superassorbenti.

I prodotti superassorbenti sono polimeri o copolimeri reticolati di sali di acidi carbossilici; si trovano sotto forma di polvere o di fibre, che possono assorbire liquidi in quantità molte volte (da 50 a 150) superiore al loro peso (fino a 1000 ml/g).

Anche sotto un carico di 3,5 kg/dm2 questi materiali trattengono acqua in quantità almeno pari a 10 volte al proprio peso;
per capire la posizione di queste fibre nel panorama tessile si può vedere che il cotone e la viscosa, senza carichi applicati, assorbono acqua pari a 30 volte il proprio peso, la lana 17 e il poliestere 3.

Un SAP può assorbire 500 volte il suo peso (da 30 a 60 volte il suo volume) e può diventare fino al 99,9% del liquido.

 

Anche il polipropilene può essere un vettore per realizzare fibre SAP.

I gruppi carbossilici del polimero si sciolgono a contatto dell'acqua o di una soluzione acquosa e si dissociano in ioni negativi; incontrandosi tra di loro, questi ioni vengono a creare forze elettrostatiche che si respingono e la struttura si allarga, le molecole crescono e diventano insolubili, creano degli spazi che possono accogliere le molecole d'acqua.

 

Una volta stabilizzato si forma un gel capace di trattenere l'acqua con legami molto forti.

 

E' possibile attraverso una lavorazione meccanica forzata a pressione produrre film o fibre.

 

Si filano fibre con il 50-80% di SAP, unito a 50-20% d'acqua, con estrusione in un tubo di filatura a secco, in una corrente d'aria a 40-80°C.


I filamenti diventano poi insolubili in acqua grazie ad un trattamento in aria a caldo (70-120°C).

Share by: